Pieve di Cadore

Pieve di Cadore è una città d'arte in montagna. Vi attendono asseggiate in centro, escursioni nel verde, visite a musei, sport all'aria aperta.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Montagne così belle da diventare quadri sono l’orgoglio di Pieve di Cadore, una località montana del Veneto insolitamente nota per l’arte. La città diede i natali a Tiziano Vecellio, uno dei massimi pittori del Rinascimento italiano: sebbene la sua carriera di artista lo portò altrove, Tiziano portò sempre con sé il ricordo della bellezza dei monti d’infanzia.

Quali montagne rubarono il cuore al noto artista? Situata al centro della Valle Cadorina, ai piedi del gruppo dell’Antelao, Pieve offre viste mozzafiato sulle montagne delle Marmorole e sul Sorapiss. Non ha nulla da invidiare in quanto a vette magnifiche rispetto ad altre località di villeggiatura delle Dolomiti.

E nemmeno in quanto a servizi e alloggi. Pieve di Cadore è uno dei principali centri amministrativi, commerciali e culturali della zona. Passeggiando per il centro potrete ammirare eleganti piazze e palazzi storici, fermarvi a bere il caffè in un locale storico ed entrare a curiosare in museo dedicato a una delle più fiorenti attività industriali del Cadore.

Certo, al di là dell’arte, delle attività economiche, dei servizi, è sempre la natura a vincere in montagna: niente può eguagliare il piacere di una camminata in mezzo al verde ammirando le Dolomiti o di fare sport in un paesaggio coperto di neve.

Cosa vedere a Pieve di Cadore e dintorni

Pieve di Cadore è una città di montagna sorprendentemente ricca di attrazioni culturali e storiche, che si aggiungono alle bellezze paesaggistiche delle Dolomiti. Ecco le cose più interessanti da vedere.

Casa natale di Tiziano Vecellio

1Via Arsenale, 4, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia (Sito Web)

L’attrazione da non perdere nel centro di Pieve di Cadore è la Casa Natale di Tiziano Vecellio, una tipica casa cadorina dove il celebre pittore rinascimentale nacque, visse l’infanzia e tornò occasionalmente in età adulta.

Costruita nel Quattrocento, è una casa in pietra a pianta irregolare, disposta su due piani collegati esternamente da una scala in legno. L’interno è arredato in stile rustico, ha un soffitto a cassettoni, una cucina con un grande focolare e alcune stanze completamente rivestite in legno di Cirmolo; una delle stanze con pareti in legno è proprio quella dove vide la luce il pittore.

Pur avendo subito numerose modifiche, la casa può ancora dare l’idea dello stile di vita tipico di una tipica famiglia cadorina benestante di quei tempi.

Attualmente è adibita a museo: al piano inferiore è esposta una collezioni di documenti sulla vita di Tiziano e di suoi disegni, al piano superiore è possibile vedere gli ambienti dove trascorse parte della sua vita.

A parte la casa, Pieve ha conservato ben poco del suo illustre cittadino. Le uniche opere di Tiziano che si possono ammirare in città sono una tela della Madonna con Bambino e Santi: non è stato provato storicamente, ma pare che per i volti dei personaggi il pittore si sia ispirato a suoi familiari.

Piazza Tiziano

2Piazza Tiziano, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia

Non poteva non essere dedicata a Tiziano la piazza principale di Pieve di Cadore, il classico salotto cittadino racchiuso entro i più bei palazzi storici della città. È un luogo d’incontro e di passaggio, perfetto per concedersi un caffè o un aperitivo.

Se volete trattarvi da signori bevete il vostro drink al Gran Caffè Tiziano, una storica caffetteria aperta nel 1821 non di rado paragonata ad altri locali storici del Veneto più famosi come il Florian di Venezia e il Pedrocchi di Padova.

Museo dell'Occhiale

3Via Arsenale, 15, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia (Sito Web)

L’altro museo da non perdere a Pieve di Cadore è il Museo dell’Occhiale, dedicato non all’arte bensì a una delle attività economiche più importanti della zona.

Si tratta di un museo moderno e ben curato che ripercorre la storia della produzione di occhiali e altri oggetti legati all’ottica dal Medioevo al Novecento, con un focus particolare sull’industria dell’occhialeria nel Cadore.

Il nucleo originario del museo si deve al collezionista Enrico De Lotto, il medico fondatore della Scuola di Ottica a Pieve di Cadore; a questo si aggiunsero poi la collezione di Georges Bodart, discendente di una famiglia di ottici belgi e numerose altre acquisizioni.

In esposizione al museo potrete vedere occhiali e lenti, strumenti per la produzione di occhiali, astucci, cannocchiali e binocoli di varie epoche.

Palazzo della Magnifica Comunità del Cadore

4Piazza Tiziano, 2, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia (Sito Web)

L’edificio-simbolo del centro di Pieve è il Palazzo della Magnifica Comunità di Cadore, un massiccio ed elegante palazzo quattrocentesco affacciato su Piazza Tiziano. Si riconosce facilmente per la possente torre merlata con campana e la monumentale scalinata esterna.

Il nome del palazzo si deve a un’antica istituzione di governo che riuniva i ventidue comuni del Cadore e che si distinse per la tutela e la salvaguardia del territorio e della cultura locale.

Attualmente il palazzo ospita diverse realtà pubbliche e private, tra cui il già citato Caffè Tiziano e il Museo Archeologico.

MARC – Museo Archeologico Cadorino

Il MARC – Museo Archeologico Cadorino è uno dei più importanti musei di storia locale delle Dolomiti. Ospitato nell’elegante sede del Palazzo della Magnifica Comunità di Cadore, espone reperti preromani e romani ritrovati in zona dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Forte Monte Ricco

5Via Pier Fortunato Calvi, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia

Il Forte di Monte Ricco è una costruzione militare in cima ad un’altura di circa 1000 metri che sorge sulla confluenza della vallate del Boite e del Piave.

L’origine dell’edificio è un castello del XII secolo, ampliato nel corso dei secoli e poi trasformato in forte militare sul finire dell’Ottocento. Pesantemente danneggiato durante la Grande Guerra, fu totalmente abbandonato durante la Seconda Guerra Mondiale.

In anni recenti è stato completamente restaurato e aperto al pubblico; viene usato come sede di mostre ed eventi.

Il Forte di Monte Ricco si raggiunge facilmente a piedi dal centro di Pieve. È una camminata breve, meno di un chilometro, e con un dislivello di soli 100 metri. Durante il percorso si attraversa una faggeta secolare mentre dall’alto del monte si può ammirare una splendida vista panoramica sulle valli del Cadore.

Lago di Centro Cadore

6Lago di Centro Cadore, 32044 Pieve di Cadore BL, Italia

Numerosi sono i laghi delle Dolomiti. Il più vicino a Pieve, nonché uno dei più grandi della valle cadorina, è il Lago Centro Cadore (spesso chiamato semplicemente lago di Cadore).

Si tratta di un bacino artificiale in località Sottocastello formatosi in seguito alla costruzione della diga di Pieve di Cadore negli anni Cinquanta. Circondato da alte montagne, il lago è immerso nel verde di prati e boschi; le sue sponde sono a tratti pianeggianti e facilmente accessibili, a tratti assai ripide. Da qui è possibile partire per escursioni a piedi verso i rifugi della zona.

Ben sei comuni vengono bagnati da questo lago, e precisamente Pieve, Calalzo, Domegge, Lozzo, Vigo e Lorenzago. Nel territorio comunale di Pieve è presente una spiaggia attrezzata.

Cosa fare a Pieve di Cadore

Anche a Pieve di Cadore, come un po’ in tutte le località di montagna, i turisti vengono principalmente per svolgere attività fisica all’aria aperta, da semplici passeggiate a sport impegnativi.

Ecco le attività più popolari da fare a Pieve di Cadore.

Camminate e trekking

Pieve di Cadore offre una grande varietà di camminate di tutti i livelli, dalla facile passeggiata in famiglia ai trekking di più giorni. Noi ve ne consigliamo tre.

Una camminata da non perdere a Pieve di Cadore, consigliata a tutti per gli splendidi paesaggi che si possono ammirare, è quella che dal Parco Roccolo7, nel cuore della città, si inoltra in un bosco di abeti e larici. In soli 10 minuti si arriva a una terrazza panoramica sul lago di Cadore incorniciato dalle montagne delle Marmarole, del Tudaio e del Montanel.

Proseguendo oltre si raggiunge il Parco di Sant’Alipio, da dove partono sentieri più lunghi intorno al Monte Ricco o verso le frazione di Tai e Valle. Il primo tratto è facile e adatto a tutti.

Preferite qualcosa di più impegnativo? Pieve di Cadore è il punto d’arrivo dell’Alta Via n.5, famosa anche come Alta Via di Tiziano: si tratta di un percorso escursionistico di circa 90 km da percorrere in 6/7 tappe che parte da Sesto in Pusterìa.

È un percorso di per sé impegnativo, con tratti attrezzati; per chi vuole uno sforzo ancora maggiore è possibile fare alcune varianti con ferrate. Sia nella versione standard che in quella con varianti l’Alta Via di Tiziano è consigliata solo a escursionisti esperti in buona forma fisica.

Un’altra alta via che tocca il comune di Pieve di Cadore, questa volta all’inizio del percorso, è l’Alta Via n. 4, dedicata all’alpinista Paul Grohmann. In questo caso il punto d’arrivo è San Candido, i chilometri da percorrere circa 85 e le tappe 6; anche qui sono presenti tratti attrezzati e varianti con ferrate.

Sport invernali

La stazione sciistica più vicina a Pieve di Cadore è quella di Auronzo-Misurina: potrete divertirvi su 12 piste da sci di vari livelli per un totale di oltre 20 km raggiungibili con 5 impianti di risalita (3 seggiovie e 2 skilift); sono presenti anche una pista di fondo, un’area pattinaggio e una pista di sleddog.

La stazione sci di Auronzo-Misurano fa parte del comprensorio sciistico n.1 del Dolomiti Superski, il maggiore comprensorio sciistico d’Italia.

Pista ciclabile La Lunga Via delle Dolomiti

Un’esperienza da fare assolutamente durante un soggiorno a Pieve di Cadore è percorrere in bicicletta l’ultimo tratto de La Lunga Via delle Dolomiti, che passa proprio per la cittadina.

La ciclabile è stata ricavata da un’ex ferrovia che fu costruita durante la Prima Guerra Mondiale e abbandonata negli anni Sessanta.

Il percorso inizia a Dobbiaco e va fino a Cortina per un totale di quasi 50 km; il terreno è in larga parte asfaltato e non sono presenti dislivelli impegnativi, pertanto La Lunga Via delle Dolomiti è un’esperienza adatta a tutti.

Per chi non se la sente di farla tutta, o non ha abbastanza tempo, è in funzione nei mesi estivi un servizio bus con trasporto bici.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Dove dormire a Pieve di Cadore

Pieve di Cadore è una nota località turistica, pertanto la scelta di alloggi è molto buona; si consiglia ugualmente di prenotare con largo anticipo se si viaggia in alta stagione perché gli hotel del Cadore, Pieve compresa, registrano spesso il tutto esaurito.

In quanto a prezzi di hotel, b&b e appartamenti Pieve di Cadore non si può definire una destinazione low cost, ma è decisamente lontana dal lusso estremo di località chic come Cortina d’Ampezzo. Iniziando a cercare per tempo potrete scegliere tra soluzioni a prezzi accessibili, come alberghi e guesthouse a conduzione famigliare, ed altre più affascinanti come hotel 3-4 stelle con piscina o sauna.

Tenete presente che il territorio del comune di Pieve di Cadore comprende le frazioni di Case sparseTai di Cadore, Maias, Nebbiù, Pozzale e Sottocastello. Talvolta gli hotel indicano come loro posizione il nome della borgata anziché quello del comune.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Pieve di Cadore

Hotel
Hotel Al Pelmo Wellness
Pieve di Cadore - Via Nazionale 60
7,8Buono 187 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Belvedere Dolomiti
Pieve di Cadore - Gradinata Belvedere 11Misure sanitarie extra
7,3Buono 66 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Giardino
Pieve di Cadore - Via Carducci 20Misure sanitarie extra
8,0Ottimo 189 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere Pieve di Cadore

Come tutte le località del Cadorino, anche Pieve di Cadore si può raggiungere facilmente sia in auto sia con i mezzi pubblici.

Raggiungere Pieve di Cadore in auto

Il modo più semplice per raggiungere Pieve di Cadore in auto è percorrere l’autostrada A27 Venezia/Belluno e percorrerla in direzione nord fino alla fine. Usciti dall’autostrada prendete la SS51 bis di Alemagna e la SS52 Carnica seguendo le indicazioni per le località del Cadore: Pieve è la prima che incontrerete.
Se arrivate dal Trentino Alto Adige l’autostrada da percorrere è la A22 Modena/Brennero in direzione sud. Il casello consigliato è Bressanone: da qui seguite le indicazioni per Dobbiaco per poi nella SS51 di Alemagna. In località Carbonin-Schluderbach troverete il bivio Cortina/Misurina: girate verso Misurina e proseguite fino a destinanzione.

Raggiungere Pieve di Cadore con i mezzi pubblici

La stazione ferroviaria di Pieve di Cadore si trova in realtà a Calalzo, una località distante solo 3 km: è la stazione di riferimento per tutte le località del Cadore e il nome ufficiale è Calalzo-Pieve di Cadore-Cortina. Da qui si possono prendere treni regionali per Venezia, Padova e Belluno; in alcuni casi può essere necessario un cambio a Ponte delle Alpi/Belluno.
Autobus locali collegano la stazione a tutte le principali località del Cadore, Pieve compresa. Gli orari dei bus solitamente coincidono con gli arrivi dei treni.
L’aeroporto più vicino a Pieve di Cadore è quello di Treviso, ma se non avete intenzione di noleggiare un’auto al vostro arrivo valutate un volo per Venezia. Da qui potete prendere un bus per Cortina e con un solo cambio arrivare a Pieve.
Prima di acquistare il volo controllare i collegamenti con i mezzi pubblici perché alcuni bus sono solo stagionali, inoltre orari e linee possono variare di anno in anno.

Dove si trova Pieve di Cadore

Pieve di Cadore è un comune della provincia di Belluno, posto a un'altitudine di 878 metri metri nella parte settentrionale del Veneto. Dista circa 40 km dal centro di Belluno, 30 da Cortina e 20 da Auronzo di Cadore.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni