Padova

Ricca di attrazioni, scorci ed eventi, Padova è una città dalla doppia anima snob e goliardica che non teme confronti con le mete più visitate d'Italia.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Chissà perché Padova non si è mai curata di diventare una star del turismo. Sarà perché Venezia è troppo vicina e le ruba la scena? O forse perché le tante aziende della zona, la prestigiosa università e un ospedale all’avanguardia portano già tante persone in città?

Non aspettate di dover venire a Padova per lavoro, studio o, peggio, malattia: meglio visitare questa entusiasmante città del Veneto perché lo desiderate. Trovare un motivo per sognare un weekend a Padova non è difficile e quando inizierete a fare le vostre ricerche su cosa vedere e cosa fare inizierete a considerare se non sia il caso di farsi qui un’intera vacanza.

L’arte è il richiamo più semplice e immediato dato che a Padova si trovano capolavori di valore inestimabile come la cappella affrescata da Giotto, i tesori della Basilica del Santo e una gran quantità di musei.

Ma la vita cittadina è forse l’attrazione di maggiore appeal. Mescolatevi ai padovani nel loro andirivieni quotidiano e scoprirete l’anima popolare della città nei suoi mercati e nell’irrinunciabile rito serale dello spritz (il vero aperitivo veneto), quella goliardica degli studenti nelle chiassose feste di laurea che sfociano in riti a dir poco bizzarri, quella snob delle boutique grandi firme e del Caffè Pedrocchi.

Facilissima da raggiungere in auto, treno, autobus e aereo e da girare a piedi o in bici, ricchissima di eventi tutto l’anno, molto meno cara delle mete turistiche più blasonate, Padova è la meta ideale per una vacanza sorprendente e alla portata di tutti. Davvero, perché non siete ancora venuti?

Cosa vedere a Padova

Padova è una città colta, ricca e devota: ve ne renderete conto facilmente visitando le sue attrazioni più famose. È anche una città godereccia, che dopo tante ore di lavoro si concede una meritata pausa all’ora dello spritz.

Tra cultura e bella vita le cose da vedere a Padova sono davvero tante, ecco le più interessanti.

Cappella degli Scrovegni

1Piazza Eremitani, 8, 35121 Padova PD, Italia (Sito Web)

L’attrazione top di Padova è la Cappella degli Scrovegni, meravigliosamente affrescata da Giotto. Con questo ciclo pittorico l’artista trecentesco ha raggiunto i massimi livelli della sua opera, realizzando quello che è unanimemente considerato uno dei capolavori assoluti dell’arte occidentale. È innegabile: la visita alla Cappella degli Scrovegni vale da sola una visita a Padova.

La piccola chiesetta trecentesca era una cappella privata della ricca famiglia locale degli Scrovegni; fu affrescata tra il 1303 e il 1305. Gli affreschi delle pareti raffigurano scene della vita di Gesù e della Vergine, mentre la controfacciata è decorata con un magnifico affresco raffigurante il Giudizio Universale. Non serve essere intenditori di arte per venire sopraffatti dalla drammaticità, dalla potenza espressiva e dal tripudio di colori di questi dipinti straordinari.

Attezione però! Per preservare i preziosi dipinti è stato istituito un sistema di visite a tempo che devono obbligatoriamente essere prenotate in anticipo. Poiché si tratta di un’attrazione molto famosa è fortemente consigliato prenotare la visita il prima possibile per non rischiare di trovare il tutto esaurito.

Basilica di Sant'Antonio di Padova

2Piazza del Santo, 11, 35123 Padova PD, Italia (Sito Web)

Padova è un’importante meta di pellegrinaggio europea, e non a caso l’attrazione più visitata dopo la Cappella degli Scrovegni è la maestosa Basilica di Sant’Antonio (o semplicemente “Il Santo“, come la chiamano i padovani).

La chiesa conserva le reliquie di Sant’Antonio di Padova. Il religioso era in realtà originario di Lisbona ma morì nel 1231 all’Arcella, un quartiere a ridosso del centro di Padova, ed è diventato il santo patrono della città. La processione del 13 giugno, giorno della sua morte, attira migliaia e migliaia di fedeli da tutta Europa.

Costruita nella prima metà del Duecento, la chiesa a lui dedicata è un’enorme basilica dalla complessa struttura che fonde elementi romanici, gotici e bizantini e conta ben otto cupole, due campanili, quattro chiostri, una biblioteca e numerose cappelle. L’interno custodisce preziose opere d’arte medievale e la tomba del santo.

Nella piazza antistante la chiesa è collocata una statua equestre in bronzo che non vi sarà difficile notare nonostante la folla di pellegrini e le bancarelle di oggetti sacri : è un’opera del Donatello raffigurante il Gattamelata, condottiero della Repubblica di Venezia.

Prato della Valle

3Prato della Valle, 35123 Padova PD, Italia (Sito Web)

Altro grande vanto di Padova è il Prato della Valle, la seconda piazza più grande d’Europa dopo Piazza Rossa a Mosca. Il nome ufficiale è Isola Memmia, ma per i padovani è semplicemente “il Prato”.

È una piazza dall’aspetto inusuale. Il nucleo centrale è un enorme prato alberato di forma ellittica atraversato da due vialetti perpendicolari con al centro una fontana; intorno al prato scorre un canale artificiale le cui sponde sono decorate da un doppio anello di statue raffiguranti personaggi storici e intorno alla canaletta c’è un ampio spazio pedonale.

Il Prato è un popolare luogo di ritrovo per i padovani, che vengono qui a prendere il fresco, chiacchierare, mangiare un gelato, correre o pattinare. Viene spesso usato per eventi (compresi alcuni di richiamo internazionale) ed è punto d’arrivo della Maratona di Padova.

Ogni sabato nello spazio intorno alla canaletta si tiene un vivacissimo mercato che rappresenta una tradizione molto amata dalla gente del posto. È perfetto per fare compere a poco prezzo; per shopping di qualità, però, meglio le botteghe del centro.

Le Piazze

Distanti circa 10-15 minuti a piedi dal Prato della Valle si trovano tre piazze,  “le piazze” di Padova per eccellenza, che rappresentano il fulcro della vita cittadina: Piazza delle Erbe4, Piazza della Frutta5 e Piazza dei Signori6, collegate tra loro da strade pedonali o viabili, da un passaggio noto come “canton dee busie” e dalle gallerie del cosiddetto Sottosalone.

Sulle piazze si affacciano alcuni dei palazzi e monumenti più importanti della città: il magnifico Palazzo della Ragione, un lato di Palazzo Moroni (sede del municipio), la Torre dell’Orologio, la Loggia della Gran Guardia e una fontana dove un tempo si bagnavano i neolaureati nel corso di un rito goliardico oggi vietato.

Di giorno le piazze sono animate da bancarelle di ortofrutta e abbigliamento; sul tardo pomeriggio lo spazio lasciato libero dai venditori ambulanti viene occupato dai tavolini dei bar: è qui che convergono studenti e lavoratori al termine di una giornata di fatiche per celebrare il rito dell’aperitivo e lasciarsi andare a un po’ di sana convivialità.

Palazzo della Ragione

7Piazza delle Erbe, 35100 Padova PD, Italia (Sito Web)

Tra i palazzi storici del centro di Padova il primato di grandiosità e fascino spetta senza ombra di dubbio al magnifico Palazzo della Ragione, costruito nel Duecento per ospitare i tribunali cittadini e il mercato coperto; nel 1306 fu aggiunta la caratteristica copertura a forma di carena di nave rovesciata.

Il piano superiore (Salone) è occupato da un’unica gigantesca sala che rappresenta una delle più grande sale pensili al mondo, oggi usata per mostre ed eventi; al suo interno potrete vedere un enorme cavallo in legno e un pendolo di Foucalt.

Una visita guidata durante il giorno è fortemente consigliata; vale la pena però tornare anche di sera per poter ammirare il palazzo illuminato: è una vista spettacolare.

Sottosalone

8Piazza delle Erbe, 35, 35122 Padova PD, Italia (Sito Web)

Il pianoterra di Palazzo della Ragione è occupato dal Sottosalone, due gallerie dove hanno sede una serie di botteghe che continuano la tradizione medievale del mercato al coperto. Si può comprare di tutto: carne di cavallo, formaggi montani, tapas vegane, pesce fresco, vini pregiati, birre artigianali, pasta fatta a mano, cioccolata, abiti bimbi, cosmesi naturale e altro ancora.

Fare la spesa al Sottosalone è una vera tradizione: approfittatene per fare acquisti di prodotti tipici da assaggiare sul posto o portare a casa come souvenir.

Palazzo Bo

9Via VIII Febbraio, 2, 35122 Padova PD, Italia (Sito Web)

A Padova è stata fondata la seconda università più antica d’Italia. A partire dal Cinquecento la sede ufficiale dell’università divenne Palazzo Bò, un complesso edificio il cui nucleo originario risale al Duecento; si affaccia sulla centralissima via 8 Febbraio.

Il tour guidato del Bò vi permette di entrare nel Teatro Anatomico, una sala particolarissima e dal fascino sinistro. Si tratta del primo esempio al mondo di aula creata appositamente per l’insegnamento dell’anatomia umana attraverso la dissezione di cadaveri: dai balconi in legno che si affacciano ad anfiteatro verso un tavolo posto in basso gli studenti potevano assistere a vere e proprie autopsie.

Un’altra attrazione famosa del Bò di Padova è la cattedra di Galileo Galilei: il celebre scienziato insegnò nell’ateneo patavino dal 1592-1610. Fanno parte del tour anche la splendida Aula Magna, oggi usata per cerimonie ufficiali, la Sala dei Quaranta e i cortili interni.

Tra le tante opere d’arte che potrete ammirare nel corso del tour c’è anche una statua di Elena Cornaro Piscopia, la prima donna laureata al mondo.

Caffè Pedrocchi

10Via VIII Febbraio, 15, 35122 Padova PD, Italia (Sito Web)

Il Caffè Pedrocchi di Padova non teme confronti con il celebre Caffè Florian di Venezia o le storiche caffetteria di Vienna. Al pari di questi esempi famosi può vantare eleganti sale intrise di storia, un tempo luogo di ritrovo di intellettuali e nobili illuminati. Tra queste non si può non ricordare la Sala Bianca, amata da Stendthal e citata in uno dei suoi libri più celebri.

Anche oggi il Pedrocchi è un salotto mondano, ma ormai è più consueto far sfoggio di abiti firmati che di cultura. Se volete darvi un tono, o se volete regalarvi un’esperienza esclusiva, sedetevi ai tavolini di questo raffinato bar, preparatevi a pagare più di qualche euro per una tazzina e gustate la specialità di casa: si chiama Caffè Pedrocchi come il locale ed è un corroborante caffè espresso 100% arabica con aggiunta di menta e panna fresca e una spruzzata di cacao amaro. Viene servito in tazza da cappuccino, ma senza cucchiaino perché non va zuccherato.

Orto botanico dell'Università degli Studi di Padova

11Via Orto Botanico, 15, 35123 Padova PD, Italia (Sito Web)

Stanchi del frenetico via vai di gente del centro? Rifugiatevi all’Orto Botanico, un’oasi di verde e pace a due passi dal Santo.

Fondato nel 1545 dall’università di Padova con lo scopo di conservare piante medicinali, è uno dei più antichi orti botanici al mondo. Nei secoli fu arricchito di piante di ogni tipo provenienti da tutto il mondo ed oggi conta 3500 specie diverse; nel 1997 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco e recentemente è stato ampliato con moderne serre di enormi dimensioni.

È possibile visitarlo autonomamente o tramite visite guidate. Durante l’anno non mancano aperture straordinarie in occasione di eventi e ricorrenze.

Musei Civici

I Musei Civici di Padova sono un complesso che raggruppa quattro sedi museali tematiche, di cui due nei chiostri dell’ex Convento degli Eremitani12 (una dedicata all’arte medievale e moderna, l’altra a reperti archeologici) e una nel vicino Palazzo Zuckermann13. La quarta sede è la famosa Cappella degli Scrovegni.

Con un unico biglietto potrete ammirare oggetti di vita quotidiana delle prime popolazioni venete ai tempi della preistoria, la ricca collezione d’arte e monete del commerciante Nicola Bottacin, arredi di pregio in uso a Padova tra Medioevo e Ottocento e molto altro.

Altre attrazioni

La visita alle top attrazioni da non perdere a Padova che vi abbiamo presentato qui sopra vi terrà impegnati per più di una giornata. Se volete fermarvi ancora più a lungo non vi annoierete perché ci sono altre interessanti cose da vedere.

Usciti dalla Cappella degli Scrovegni entrate a dare un’occhiata alla Chiesa degli Eremitani che si trova giusto lì a fianco, dopodiché rimanete all’interno dei Giardini dell’Arena per riposare al fresco o bere un drink ai chioschi.

Altri due edifici religiosi di Padova che meritano una visita sono il Duomo e la Basilica di Santa Giustina. Il primo si affaccia sulla piazza omonima ed è famoso per il suo splendido battistero; l’altra si trova a fianco di Prato della Valle. Ai più devoti consigliamo anche il Santuario di Padre Leopoldo Mandić (proclamato santo nel 1983) in località Santa Croce.

La lista di musei a Padova è davvero lunga. Oltre ai già citati Musei Civici nel centro o nelle immediate vicinanze si trovano alcuni musei tematici molto particolari. Tra questi ce n’è uno adatto a tutte le età: si tratta del Museo del Precinema – Collezione Minici Zotti che espone lanterne magiche e altri giochi ottici che portarono all’invenzione del cinema: è un piccolo museo ben curato e molto suggestivo, che vi farà fare un viaggio nel tempo intriso di romanticismo e nostalgia.

Altri musei tematici a Padova degni di menzione sono il Museo della Padova Ebraica, il modernissimo MUSME – Museo di Storia della Medicina, il Centro Nazionale di Fotografia e il Museo del Risorgimento e dell’età contemporanea.

Non c’è molta architettura contemporanea nel centro di Padova. L’unica opera interessante è il Monumento Memoria e Luce realizzato dall’architetto di fama internazionale Daniel Libeskind per commemorare le vittime dell’attentato dell’11 settembre 2001 a New York.

Curiosità: perchè Padova è chiamata “la città… senza”

Un famoso detto definisce Padova come “la città del santo senza nome, del prato senz’erba e del caffè senza porte“.

Il primo si riferisce chiaramente alla Basilica di Sant’Antonio, che in città tutti chiamano “Il Santo”. Il secondo riferimento è al Prato della Valle, che nonostante il nome in passato non era ricoperto d’erba. Il terzo si riferisce chiaramente al Caffè Pedrocchi ma sul motivo c’è discordanza: per alcuni è legato a un periodo storico in cui il locale rimaneva aperto giorno e notte; per altri alla volontà del fondatore Antonio Pedrocchi di renderlo accessibile a tutta la cittadinanza. Ancora oggi c’è una sala  disposizione di chiunque voglia sedersi senza obbligo di consumare.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Escursioni in giornata da Padova

Padova è un’ottima base per esplorare il Veneto. Da qui con una gita in giornata potete facilmente visitare le popolarissime Venezia e Verona e i due gioiellini meno noti Vicenza e Treviso: sono tutte raggiungibili in un’ora di treno o meno (solo 30 minuti per Venezia!).

Le località di Peschiera del Garda e Desenzano sono sulla linea ferroviaria per Milano, quindi anche queste facilmente raggiungibili da chi vuole regalarsi una giornata di relax al lago. Con un po’ più di organizzazione si possono visitare in giornata anche le splendide montagne delle Dolomiti o tuffarsi nel mare Adriatico.

Dove dormire a Padova

Le persone che vengono a Padova per turismo sono una minoranza rispetto a quelle che passano di qua per lavoro, studio o visite mediche. Di conseguenza gli hotel di Padova si rivolgono principalmente a questo via vai di gente che si ferma per una notte o poco più.

Moltissimi sono gli hotel 4 stelle pensati per gente in viaggio d’affari, concentrati nella zona della fiera o nelle vicinanze della zona industriale. Sono poco affascinanti ma prendeteli in considerazione se volete comfort e modernità, parcheggio, facilità d’accesso in auto.

Un’altra possibilità per chi viaggia in auto e non vuole stressarsi a trovare parcheggio in centro sono i b&b dei quartieri periferici o meglio ancora dei comuni limitrofi. Rimanendo a un passo dalla città potrete godervi la bellezza e il silenzio della campagna veneta.

I dintorni dell’ospedale sono la zona migliore dove cercare hotel economici, semplici ma funzionali. Da qui si possono raggiungere a piedi tutte le principali attrazioni turistiche.

Gli alloggi in centro sono i migliori per chi si sposta con i mezzi pubblici e comprendono proposte per tutte le tasche: potrete trovare alberghi a conduzione famigliare, hotel di lusso, appartamenti vacanza, b&b di charme e sistemazioni economiche come un ostello e la casa del pellegrino.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Padova

Hotel
Best Western Plus Net Tower Hotel Padova
Padova - Via S. Marco 11/AMisure sanitarie extra
8,8Favoloso 2054 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Best Western Plus Hotel Galileo Padova
Padova - Via Venezia, 30Misure sanitarie extra
8,4Ottimo 3672 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
NH Padova
Padova - Via N.Tommaseo, 61Misure sanitarie extra
8,6Favoloso 3015 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Igea
Padova - Via Ospedale Civile N° 87Misure sanitarie extra
8,4Ottimo 2092 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Donatello
Padova - Via Del Santo 102Misure sanitarie extra
8,3Ottimo 2173 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Hotel Casa Del Pellegrino
Padova - Via Melchiorre Cesarotti 21Misure sanitarie extra
8,5Favoloso 5046 recensioni
Vedi Tariffe

Come raggiungere Padova

Arrivare a Padova è facilissimo, sia in auto che con i mezzi pubblici, perché la città si trova in una posizione strategica ed è un crocevia di collegamenti stradali e ferroviari.

È situata infatti lungo due delle principali autostrade d’Italia: la A4 Torino-Trieste attraversa tutta la Pianura Padana, mentre la A13 si immette nella A14 Bologna-Taranto permettendo di arrivare da Padova fino a Bari percorrendo tutto il versante est della penisola.

Stessa fortunata situazione anche con i treni: la stazione di Padova è situata lungo le linee ferroviarie Venezia-Milano, Venezia-Bari e Venezia-Roma, servite da treni regionali, Intercity e alta velocità (sia di Trenitalia che della compagnia Italo). Ci sono poi molti autobus a lunga percorrenza che transitano per Padova verso importanti città italiane ed europee.

Padova non ha un aeroporto, ma ce ne sono ben tre a un’ora di distanza o meno (Venezia, Verona e Treviso) e sono tutti serviti da voli low cost in partenza da tantissime città italiane e facilmente raggiungibili con bus o servizi transfer dai prezzi accessibili.

Meteo Padova

Che tempo fa a Padova? Di seguito le temperature e le previsioni meteo a Padova nei prossimi giorni.

domenica 13
19°
29°
lunedì 14
19°
26°
martedì 15
18°
27°
mercoledì 16
18°
28°
giovedì 17
20°
28°
venerdì 18
19°
27°

Cosa vedere in provincia di Padova

Quando pensate di non poter più sopportare il viavai di gente nel centro di Padova vi basta spostarvi di soli 10 km in direzione sud per trovare una meravigliosa oasi di verde e di pace. Sono i Colli Euganei, una serie di basse colline d’origine vulcanica dalla caratteristica forma a cono e ricoperti di boschi e vigneti.

Tra queste colline si nascondono borghi incantevoli, ville, giardini, chiese e sentieri: non perdetevi Arquà Petrarca, il Castello del Catajo e l’Abbazia di Praglia.

La zona è anche nota con il nome di Terme Euganee per la presenza di acque e fanghi dalle proprietà curative. È la più importante stazione termale d’Europa: conta più di 100 stabilimenti e 200 piscine riscaldate con acqua calda naturale, perlopiù concentrati a Abano e Montegrotto Terme.

Nella provincia di Padova si trovano anche alcune delle più belle cittadine murate del Veneto. Tra queste meritano una visita Cittadella, Montagnana, Este e Monselice.

Un’altra attrazione da non perdere nella provincia di Padova è Villa Contarini a Piazzola sul Brenta, una delle più grandi e meglio conservate ville venete.

Dove si trova Padova

Padova è una città capoluogo di provincia situata nella pianura del Veneto centrale, tra Verona e Venezia. Dista circa 35 km dal centro di Venezia e 90 da Verona; Bologna è a 110 km e Milano 250 km. A sud della città, a circa 10-15 km dal centro, sorgono i Colli Euganei, unici rilievi della provincia.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni