Asiago

Asiago è natura, memoria e bontà: meta ideale per una vacanza in montagna senza stress, facilmente raggiungibile e adatta a grandi e piccoli.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Asiago è la salvezza di tanti veneti oppressi dal caldo soffocante e dal traffico delle città. Facilmente raggiungibile dalla pianura in un’ora d’auto o poco più, questa graziosa cittadina è la meta ideale per chi vuole vivere la montagna senza spingersi tanto in alto. Sia in estate che in inverno.

Sorge al centro di un’ampia conca verde a 1000 metri (un’altitudine sufficiente per sentire un’aria più fresca, senza afa), circondata da vette oltre i 2000 metri. Il paesaggio è 100% montano e lo stesso si può dire della cucina e dei prodotti locali, primo tra tutti il formaggio Asiago DOP, forse il più tipico tra i formaggi di montagna italiani.

La conca su cui sorge Asiago è l’altopiano più vasto d’Italia: si tratta dell’Altopiano dei Sette Comuni, più spesso chiamato per semplicità Altopiano di Asiago. Gli altri comuni sono Rotzo, Enego, Foza, Roana, Gallio, Lusiana; a questi si aggiunge un ottavo (Conco) legato anch’esso ai sette comuni da un’antica fratellanza.

Un’attenzione speciale meritano le attrazioni dell’Altopiano di Asiago legate alla Prima Guerra Mondiale: sono monumenti e luoghi simbolo di questo territorio, teatro di alcune tra le battaglie più sanguinose di tutto il conflitto mondiale. Le ferite inferte sono state profonde e la gente del posto, giustamente, non vuole dimenticare. I luoghi della guerra sull’Altopiano di Asiago vanno dunque visitati con silenzio e rispetto.

La località più nota dell’altopiano spesso è solo una base di partenza per esplorare l’intero territorio. Potete viverla così o sceglierla come una meta relax da cui non spostarvi: in entrambi i casi siete certi di aver trovato il posto giusto per una vacanza di montagna in Veneto facile da organizzare, dai costi accessibili e ricchissima di emozioni.

Cosa vedere a Asiago e dintorni

Le attrazioni di Asiago e delle località dell’Altopiano ruotano tutte intorno agli splendidi paesaggi montani e alle tragiche vicende della Seconda Guerra Mondiale.

Val la pena spendere un po’ di tempo anche in città, magari al ritorno da un’escursione, perché il centro di Asiago è grazioso e molto vivace, soprattutto nei mesi di maggior afflusso turistico.

Corso IV Novembre

1Corso IV Novembre, 36012 Asiago VI, Italia

Corso IV novembre è la via principale nel centro di Asiago. Si tratta della classica via pedonale fiancheggiata da negozi e caffetterie: il salotto mondano dove tutti si riversano per fare shopping o aperitivo. Troverete anche gli immancabili negozi di souvenir e alcune golose pasticcerie.

Osservatorio Astrofisico e Astronomico di Asiago

2Via Osservatorio Astronomico, 8, 36012 Asiago VI, Italia (Sito Web)

La fortunata combinazione di aria tersa di montagna e mancanza di inquinamento luminoso fa di Asiago un luogo particolarmente adatto alla contemplazione e allo studio scientifico delle stelle. Non a caso sul territorio dell’altopiano sono collocati i maggiori telescopi dell’Istituto Nazionale di Astrofisica sul suolo italiano.

L’Osservatorio Astronomico ed Astrofisico di Asiago organizza numerose attività di divulgazione. Nei mesi estivi vengono organizzate visite guidate della struttura aperte ai singoli viaggiatori (negli altri periodi si rivolgono prevalentemente a gruppi e scolaresche).

Se preferite stare con il naso all’insù all’aria aperta potete partecipare alle escursioni notturne guidate da un astronomo dell’osservatorio.

Strada del Vecchio Trenino

3Ex Ferrovia Rocchette - Asiago, 36010 Canove di Roana VI, Italia (Sito Web)

Se non avete voglia di faticare con un trekking in montagna ma vi piace l’idea di sgranchire le gambe ammirando un paesaggio immerso nel verde potete percorrere la Strada del Trenino.

È una passeggiata facile, adatta a tutti, che ripercorre il tracciato dell’antica ferrovia che giungeva fino ad Asiago. Il percorso è pianeggiante e il terreno è quasi interamente asfaltato, pertanto si può percorrere anche con bici e passeggini.

Il punto di partenza è il Parco Millepini, situato a ridosso del centro storico di Asiago; il punto d’arrivo è in località Tresche Conca. La lunghezza totale è di circa 10 km sola andata.

Malghe e caseifici

Il nome di Asiago fa pensare immediatamente al suo prodotto tipico più famoso: un formaggio DOP fatto con latte di mucca che è diventato un simbolo della cucina di montagna.

Non perdete l’occasione di visitare le malghe e i caseifici in cui questa genuina bontà viene preparata. Andare per malghe è un’ottima scusa per concludere una passeggiata nel verde con una degustazione di prodotti tipici; visitare i caseifici di Asiago e dintorni è l’alternativa comoda per chi preferisce spostarsi in auto.

Tra le aziende produttrici di formaggio Asiago che consentono la visita guidata segnaliamo lo storico Caseificio Pennar4, vincitore di numerosi premi enogastronomici internazionali. È necessaria la prenotazione.

Villaggio degli Gnomi

5Via Poslen, 40, 36012 Asiago VI, Italia (Sito Web)

Un’imperdibile attrazione family-friendly a Asiago è il Villaggio degli Gnomi, un insolito e delizioso parco di divertimenti a tema totalmente collocato all’interno di un bosco e di prati verdi e ispirato al magico mondo delle piccole creature.

L’attrazione top del parco è il sentiero nel bosco che termina in un villaggio di casette in legno a misura di gnomo. Effetti visivi e sonori come il fumo dei camini e le voci dalle stanze delle casette rendono facile credere che gli gnomi esistano davvero!

All’interno del parco sono inoltre presenti tappeti elastici, scivoli, altalene, macchinine elettriche, campi sportivi e un percorso vita attrezzato.

I luoghi della Grande Guerra

Sono moltissimi i monumenti, i musei e le escursioni a tema Grande Guerra sull’altopiano di Asiago: qui vi segnaliamo le più famose e interessanti.

Sacrario Militare del Leiten

6Piazzale degli Eroi, 1, 36012 Asiago VI, Italia

Ossario di Asiago, Sacrario Militare di Asiago, Sacrario del Leiten… nomi diversi per indicare lo stesso inconfondibile monumento. È una tappa d’obbligo per chiunque voglia conoscere gli eventi storici della Grande Guerra e rendere omaggio ai caduti: un’attrazione emozionante e toccante, da visitare con profondo rispetto.

Costruito sulla cima del colle Leiten e inaugurato nell’estate del 1938, è un imponente monumento commemorativo che ricorda i soldati morti nel territorio dell’altopiano durante la Prima Guerra Mondiale. Al suo interno sono conservate le spoglie di oltre 50 mila soldati italiani e austroungarici.

Il monumento è stato costruito a partire da unico blocco di cemento e marmo locali e si compone di una base di pianta quadrata sormontata da un arco in stile romano; l’interno della parte inferiore della base corrisponde alla cripta dove sono contenuti i resti dei Caduti.

Due scalinate frontali conducono a una terrazza da cui è possibile vedere i luoghi dove vennero combattute le battaglie più cruente; una terza scala conduce alla parte superiore dell’arco e all’area votiva.

Le dimensioni del monumento sono imponenti: ben 47 metri di altezza e lati lunghi 80 m. Il sacrario si raggiunge dal centro di Asiago percorrendo il Viale degli Eroi.

Museo del Sacrario

Accanto all’ingresso della cripta del Sacrario del Leiten è stato allestito un museo della Grande Guerra combattutasi nel settore montano dall’Adige al Brenta.

In esposizione troverete documenti storici, fotografie d’epoca e cimeli trovati sui campi di battaglia che raccontano le aspre condizioni di vita al fronte e i disperati e sanguinosi combattimenti.

Museo della Grande Guerra di Canove

7Via Roma, 60, 36010 Roana VI, Italia (Sito Web)

Il Museo della Grande Guerra di Canove nasce negli anni Settanta per iniziativa di un gruppo di residenti locali. Allestito in una ex stazione ferroviaria, espone una ricchissima collezione di armi e attrezzi usati nelle trincee, divise, medaglie, oggetti personali dei soldati, foto d’epoca e altri cimeli.

L’atmosfera è più intima e raccolta, meno monumentale, rispetto al Museo del Sacrario, ma l’importanza storico-culturale di questo museo è elevatissima.

Forte Verena

836010 Roana VI, Italia

Seppur di vita breve, il Forte Verena ebbe un ruolo chiave nello svolgersi degli eventi storici. Proprio da qui partì il primo colpo di cannone italiano che diede il via all’intervento del nostro paese nel conflitto mondiale. Gli austriaci risposero prontamente e soltanto venti giorno dopo la fortezza italiana venne duramente danneggiata da un proiettile di mortaio; le esplosioni causarono la morte di 40 soldati e del capitano.

Oggi il forte è completamente ristrutturato ed è visitabile gratuitamente. Si può raggiungere a piedi seguendo diversi percorsi, alcuni facili altri più impegnativi, in bici o in seggiovia.

Forte Interrotto

936012 Asiago VI, Italia (Sito Web)

Forte Interrotto è una caserma militare costruita a metà dell’Ottocento con una concezione di stampo medievale. Durante la Grande Guerra venne usato unicamente come punto strategico di osservazione prima dagli italiani e poi dagli austroungarici. Il suo aspetto ricorda più un castello medievale che un forte militare.

Si raggiunge a piedi con una facile escursione in partenza dall’abitato di Camporovere. Il primo tratto, piuttosto breve, è su terreno asfaltato; si prosegue poi su strada bianca e sentiero nel bosco.

Calvario degli Alpini

Viene chiamato Calvario degli Alpini uno spettacolare itinerario a piedi sul Monte Ortigara considerato uno dei più belli e storicamente importanti tra gli itinerari a tema Grande Guerra sull’altopiano di Asiago. Il monte è tristemente noto per una drammatica e inutile battaglia durante la quale quasi 30.000 soldati morirono, furono feriti o vennero dispersi.

Purtroppo l’itinerario non è per tutti: si tratta di un ripido sentiero che da Asiago arriva in cima al monte, a una quota di circa 2000 metri, e ci vogliono circa 4 ore per percorrerlo tutto. Se però siete allenati val la pena farlo perché il contesto paesaggistico è molto bello e lungo il percorso incontrerete numerose testimonianze di guerra.

Escursione al Monte Cengio

Un’altra escursione per chi vuole visitare i luoghi della Grande Guerra porta in cima al Monte Cengio. È un’escursione facile, dura circa 3 ore e ha un dislivello di soli 150 metri, ma è sconsigliata a chi soffre di vertigini per la presenza di alcuni tratti esposti.

L’itinerario ripercorre una mulattiera di arroccamento usata in tempi di guerra per raggiungere la cima della montagna al sicuro dall’artiglieria austriaca. Lungo il percorso che conduce alla vetta attraverserete gallerie, camminamenti e trincee.

Una volta arrivati in cima potrete godere di quello che oggi è un bellissimo panorama; in tempi di guerra era invece una visione strategica dell’altopiano.

Ricordatevi di portare una torcia perché le gallerie non sono illuminate.

Sentiero del Silenzio

12loc. Campomuletto, 36032 Gallio VI, Italia (Sito Web)

Se pensate che le escursioni all’Ortigara e al Cengio non siano alla vostra portata potete percorrere il Sentiero del Silenzio – Porta della Memoria a Campomuletto, un percorso immerso in un magnifico ambiente montano lungo cui sono state collocate installazioni artistiche che invitano alla riflessione e alla meditazione.

Il sentiero parte dalla piana di Campomuletto, all’imbocco di luoghi che furono teatro di battaglia, e vuole essere un omaggio sentito e commosso ai giovani caduti in guerra.

Lungo circa 2 km e privo di difficoltà tecniche, il Sentiero del Silenzio di Campomuletto può essere percorso da tutti.

Itinerari guidati nei luoghi della Grande Guerra

Al fai da te preferite una visita guidata? Il Museo Diffuso di Lusiana13, una rete museale che conta numerose sedi tematiche sparse nel territorio dell’altopiano di Asiago, organizza escursioni a piedi nei luoghi della Grande Guerra, in particolare lungo la linea di resistenza nella zona del Monte Corno.

Un esperto in storia locale vi accompagnerà alla scoperta di trincee, gallerie, cimiteri di guerra nascosti nei boschi dell’altopiano e vi racconterà aneddoti, curiosità e toccanti vicende umane.

Si può scegliere tra tre diversi percorsi. La prenotazione è fortemente consigliata.

Mappa

Nella mappa seguente potete vedere la posizione dei principali luoghi di interesse citati in questo articolo

Cosa fare a Asiago

La maggior parte dei turisti viene ad Asiago per stare all’aria aperta. Sono molte le attività che si possono fare, sia d’estate che d’inverno.

Le camminate all’aria aperta sono l’attività estiva più popolare ad Asiago e dintorni. Le montagne dell’Altopiano offrono una varietà di percorsi per tutti i livelli, dalle passeggiate in famiglia ai trekking impegnativi. Monte Zebio, Cima Larici, Bocchetta Portule, le Malghe di Caltrano, i luoghi della guerra… tante mete per meravigliose escursioni in giornata.

Da Asiago ci si può facilmente spostare verso altre località montane del Veneto per avere una scelta di itinerari ancora maggiore, o magari in quote ancora più alte, ma seguite il nostro consiglio: restate in zona e prendetevi tutto il tempo per esplorare l’altopiano.

La seconda attività estiva più popolare è la mountain bike. Alcuni itinerari a piedi sono percorribili anche in mtb, in più ci sono percorsi specifici. In zona potrete noleggiare mtb e bici elettriche.

In inverno è lo sci a fare da padrone, e in particolare in questa zona è molto praticato lo sci di fondo. I tracciati si estendono per una lunghezza complessiva di oltre 500 chilometri e tra questi c’è anche un anello di 250 chilometri che tocca tutti i comuni dell’Altopiano.

Chi preferisce lo sci da discesa può contare su più di 40 impianti di risalita funzionanti e piste di vario livello, dal principiante assoluto all’esperto. Sono presenti anche numerose scuole di sci e noleggi attrezzature. Tutto l’occorrente per una meravigliosa settimana bianca!

Altri sport che si possono praticare sull’altopiano di Asiago sono golf, tennis, bocce, tiro con l’arco, pattinaggio sul ghiaccio, equitazione. Se amate le emozioni forti potete fare rafting e bungee jumping.

Dove dormire a Asiago

Asiago è il centro principale dell’altopiano e com’è logico immaginarsi è anche la località con la maggior scelta di hotel, appartamenti e b&b. Ci sono alloggi in tutte le categorie, dall’economico al lusso; non aspettatevi però di trovare gli hotel chic di località alla moda come Cortina.

Dormire in centro a Asiago è la scelta migliore per chi arriva con i mezzi pubblici e per chi anche in montagna non vuole rinunciare a negozi e locali.

Nelle altre località dell’altopiano la scelta è decisamente inferiore, sia di alloggi che di bar e ristoranti, in compenso però i prezzi medi per dormire sono più bassi quindi val la pena dare un’occhiata, magari a Enego o a Gallio. Qui si trovano perlopiù alberghi a conduzione familiare di fascia medio-bassa, semplici ma dalla calda accoglienza.

Altre località dove dormire nell’Altopiano di Asiago sono Lusiana, Conco (in particolare nelle frazioni di Val Lastaro e Biancoia) e Rotzo.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel consigliati a Asiago

Hotel
Asiago Sporting Hotel & Spa
Asiago - Corso IV Novembre, 77Misure sanitarie extra
9,4Eccellente 113 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Linta Hotel Wellness & Spa
Asiago - Via Linta 6Misure sanitarie extra
8,8Favoloso 694 recensioni
Vedi Tariffe
Hotel
Albergo Rutzer
Asiago - Via Berga N° 126Misure sanitarie extra
8,8Favoloso 336 recensioni
Vedi Tariffe
Vedi tutti gli alloggi

Come raggiungere Asiago

Uno dei motivi per cui Asiago è tanto popolare è che si tratta di una località montana facilmente raggiungibile sia in auto che con i mezzi pubblici.

Il casello autostradale più vicino ad Asiago è quello di Piovene Rocchette lungo la A31, un’autostrada che attraversa da sud a nord il Veneto centrale ed è collegata alla più lunga A4 Milano-Venezia. Dal casello seguite le indicazioni per l’Altopiano.

Non è presente una stazione ferroviaria ad Asiago tuttavia il treno non è un’ipotesi da scartare. Le stazioni più vicine sono quelle di Vicenza, Bassano del Grappa e Thiene: la prima è sulla linea Milano-Venezia ed è servita anche da treni intercity e alta velocità; le altre due sono servite da treni regionali. Tutte e tre le stazioni sono collegate ad Asiago da bus diretti.

Autobus locali collegano la città di Asiago alle principali località dell’Altopiano e a Marostica.

Meteo Asiago

Che tempo fa a Asiago? Di seguito le temperature e le previsioni meteo a Asiago nei prossimi giorni.

martedì 21
10°
16°
mercoledì 22
10°
17°
giovedì 23
10°
17°
venerdì 24
10°
17°
sabato 25
10°
14°
domenica 26
12°
16°

Dove si trova Asiago

Asiago è un comune in provincia di Vicenza situato nella parte centro-orientale del Veneto. Dista circa 60 km dal capoluogo provinciale; più vicino, circa 50 km, è il confine con la regione del Trentino-Alto Adige. Venezia è a circa 120 km, Padova e Belluno 90 km.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni